Fuoriprogramma: EDOARDO DE ANGELIS, PAOLA SELVA

Edoardo De Angelis – voce e chitarra

STORIE DA RACCONTARE

Un nuovo appuntamento con il concerto di Edoardo De Angelis “Storie da raccontare”, dopo i successi al Museo Archeologico di Aquileia, al Castello di Miramare a Trieste e al Museo Etrusco di Villa Giulia a Roma.
Il programma del concerto sarà aggiornato con l’inserimento di nuove canzoni inedite, che andranno a far parte del prossimo lavoro in studio del cantautore romano.
Nel corso di questo spettacolo proveremo a cucire insieme, con il filo del sentimento, canzone d’autore e archeologia.
Quali sono gli elementi che possono avvicinare il lavoro del cantautore a quello dell’archeologo? Quest’ultimo scava, entra con i suoi strumenti nella terra, per cercare cose, oggetti, memorie che il passato ha sepolto. Chi scrive canzoni sulla vita e sui sentimenti delle persone, sulla loro storia, sulla loro posizione nel mondo, in fondo esercita un mestiere non troppo differente: scava nelle pagine del tempo, negli umori che distinguono un’anima da un’altra anima. Il cantautore, se ascoltato, è come il richiamo di una voce interiore che può aiutare a percepire sottili tracce, pensieri a volte apparentemente perduti, a volte solo accantonati. La canzone d’autore è un setaccio attraverso il quale la sabbia, la terra delle cose e del tempo passano, lasciando piccoli tesori di comprensione e umanità.


Paola Selva – chitarra acustica

PER TERRE E PER MUSICHE

Chitarra e archeologia, due mondi apparentemente lontani. Ma ogni chitarrista sa che la testimonianza più antica finora scoperta dell’esistenza della chitarra è un bassorilievo ittita risalente al XIV secolo a.C.; e da lì la chitarra ha percorso una via ben tracciata che l’ha vista presente tra Medio Oriente ed Europa. Ora in tutto il mondo.
Le vie di comunicazione sono sempre state fondamentali per lo scambio culturale e così anche per quello musicale. Paola Selva, con la sua chitarra, ripercorrerà alcune di queste vie, intrecciandole con il suo personale percorso artistico, che nasce dalla volontà di oltrepassare il confine musicale esplorando luoghi, riportando alla luce vissuti, scavando nelle Culture, affrontando strade solcate o anche solo immaginate.

Il concerto è inserito nel 3° Festival dell’Archeologia Pubblica senzaConfini organizzato da A.C. CulturArti e finanziato dalla Regione FVG

Nel rispetto delle normative vigenti e per una migliore organizzazione degli spazi è preferibile inviare un’e-mail di prenotazione all’indirizzo ac.culturarti@yahoo.com oppure un messaggio (Whatsapp o SMS) al 3476660567, indicando il numero di partecipanti (cognome e nome), se si tratta di persone conviventi, e un numero di telefono.

Prima dei concerti è prevista una archeo-pedalata lungo la ciclovia Alpe-Adria con partenza alle h. 18:00 da Tricesimo e arrivo a Tavagnacco. Disponibilità di posti limitata (max 15 partecipanti). Prenotazione obbligatoria all’indirizzo e-mail ac.culturarti@yahoo.com. Nella mail di risposta verranno fornite tutte le informazioni di dettaglio.

In caso di maltempo presso Centro Civico in via della Madonnina – Tavagnacco

Data

22 Lug 2020
Expired!

Ora

21:00
Tavagnacco - Parco festeggiamenti

Luogo

Tavagnacco - Parco festeggiamenti
Via Tolmezzo, 33010 Tavagnacco UD
Maggiori Informazioni

Scopri di più

  • Edoardo De Angelis
    voce e chitarra

    Dall’inizio degli anni Settanta, epoca d’oro del Folkstudio e del cantautorato italiano, ha scritto per sé e per altri, prodotto astri nascenti che si sarebbero poi affermati (Francesco De Gregori) e altri nel pieno della maturità artistica (l’indimenticabile Sergio Endrigo), credendo fortemente nella diffusione dello scrivere e interpretare la canzone come strumento principe della narrazione. Di questo suo amore per la canzone come forma d’arte, De Angelis ha fatto una ragione di vita e di lavoro. Più di venti album, in quasi mezzo secolo di attività, e infinite collaborazioni, da Mina a Tosca e Paola Turci, da Albertazzi, Camilleri, Paolini, Marcorè, a De André, Battiato, Dalla, Ron, Venditti e molti altri. Tra i suoi impegni sociali spicca quello contro la violenza, soprattutto nei confronti dell’universo femminile. Legato al Friuli da un felice vissuto e forti amicizie, ha partecipato più volte a Mittelfest, è stato direttore dei progetti speciali per Folkest, è nel comitato artistico di Canzoni di Confine. E’ direttore artistico del Festival Frattempi.

  • Paola Selva
    chitarra acustica

    Dopo un lungo background classico, qualche anno fa Paola Selva ha allargato il
    suo ventaglio musicale abbracciando la chitarra acustica con la quale ha raccolto molto presto lusinghieri consensi: 2° premio al Festival “Acoustic Franciacorta”, finalista al Concorso “Obiettivo Maf” e 1° Premio ADGPA.
    È stata invitata a suonare in importanti festival (Ferentino Acustica, Un Paese a Sei Corde, Rendez-Vous ADGPA, Madame Guitare, Taranto RiSuonata, Festival Guitare a Issoudun, Holy Grail Show a Berlino,…) e collabora stabilmente con la cantautrice Rebi Rivale e il contrabbassista Filippo Tantino.
    Nel 2019 ha realizzato il CD “Legno e Vento”, che ha riscosso un ottimo successo con positive recensioni (rivista Chitarra Acustica, quotidiano Messaggero Veneto, sito americano Minor 7th, ecc.) e vendite in Italia e all’estero (Francia, Germania, Austria, UK, USA).
    Paola Selva scrive musiche sue e arrangia quelle di altri, spesso girovagando attraverso il mondo della musica popolare nella quale respira suoni, tradizioni e idiomi che poi ripropone in chiave acustica. I suoi concerti sono stati definiti “un racconto sonoro condotto sulle corde della chitarra in una chiave eclettica e personale, sospesa tra antico e moderno, tra sogno e danza”.

QR Code